La denuncia di Confapi Sanità: "Solo i professionisti stranieri disponibili a venire a lavorare qui"

Esodo di infermieri dalle Rsa in fuga 2000 verso il pubblico

Il  dato è inquietante: «Dall'inizio della pandemia, quindi da marzo 2020 ad oggi, duemila infermieri hanno lasciato le Rsa per andare nel settore pubblico, molti aderendo ai bandi temporanei della Regione che cercava personale per affrontare la crisi nelle corsie affollate da malati di Covid». L'esodo dalla sanità privata è in questo numero. Che Michele Colaci, responsabile di Confapi Sanità in Piemonte cui aderiscono il 30% delle residenze sanitarie assistenziali, racconta per alzare il velo su un'emergenza. Questa: "Prima avevamo il problema del lavoro,  perchè con la pandemia, purtroppo i casi di contagio nelle strutture e le doverose cronache quotidiane, molti parenti di anziani non si fidavano più del privato. Proprio quando cominciavano di nuovo ad avere fiducia nelle nostre strutture e nella loro sicurezza ci ritroviamo a dover rifiutare i ricoveri per mancanza di personale». Un paradosso. Gli infermieri se ne sono andati. Attratti da contratti ponte — da uno (e fino) a 3 anni — «alla fine dei quali sperano legittimamente di essere assunti nel pubblico a tempo indeterminato». Il pubblico, il sogno italiano, visto dalla concorrenza «è percepito come un impiego migliore. Sia dal punto di vista operativo che economico». Differenze retributive? "Tra i 300 e i 400 euro in più al mese. Ma poi i diritti vengono visti come più robusti". Sia come sia molte delle 900 Rsa piemontesi hanno un problema grosso cosi. Nel Torinese certo, ma anche - «e soprattutto» precisa Colaci — nelle altre province: Asti, Vercelli, Biella, Novara, Alessandria. E peggiorerebbe ancora se, come pare, si vada verso un'implementazione delle cure domiciliari. «Servirebbero almeno altri 300 infermieri che non ci sono». Da qui una lettera al ministero che è un grido d'allarme e una richiesta di aiuto insieme. Non solo: «Siamo stati in Regione alcuni giorni fa a parlare con l'assessore Icardi. Abbiamo fatto delle proposte, messo in campo delle idee» precisa Colaci. Alcune più realizzabili di altre nell'immediato. Difficile ad esempio pensare che a breve possa accadere che le Rsa vengano istituzionalizzate col sistema sanitario nazionale. In quel caso le Asl dovrebbero intervenire spostando personale pubblico, alla bisogna per tamponare le emergenze. Ma il percorso, già avviato in Toscana, non è semplice. La seconda ipotesi proposta a Icardi: «Abbiamo chiesto di consentire agli Oss (operatori socio sanitari) con una certa esperienza e con un bagaglio di formazione documentabile, di somministrare le terapie preparate dagli infermieri». Infine, le scuole di "abilitazione" alla professione. In Piemonte, in un triennio, gli istituti di formazione (messi tutti insieme) «consegnano al mercato del lavoro 1160 infermieri». Troppo pochi rispetto alla domanda. «Ed è per questo che si potrebbe chiedere — almeno temporaneamente — l'abolizione del numero chiuso». L'alternativa è il mercato estero dei professionisti: «A fronte di questi numeri stiamo iniziando dai corsi di laurea delle università dell'est Europa. Lì ci sono infermieri disposti a venire qui subito, ma c'è il tema dell'equipollenza del titolo. Sarebbe utile che le pratiche burocratiche venissero snellite. Oggi ci vuole più di un mese. Troppo tempo».

Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le preferenze dell'utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei Cookie.
Per saperne di più, o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di prendere visione della pagina Cookie Policy