"L'iniziativa Pmi, che intende promuovere la competitività delle piccole e medie imprese del Mezzogiorno, presentato oggi dal Mise, va nella direzione giusta". Lo afferma Maurizio Casasco, presidente di Confapi. " Confapi - sottolinea Casasco - ha da sempre a cuore lo sviluppo del Mezzogiorno d'Italia, anche e soprattutto perche' esso è caratterizzato proprio da un tessuto produttivo di piccole e medie imprese. E' proprio qui che il cosiddetto credit crunch ha fatto danni maggiori". Per Confapi rimane di vitale importanza che le Pmi abbiano accesso a un mercato bancario che lavora per loro e non che sia di ostacolo alla loro attività. "Noi di Confapi proponiamo - sottolinea Casasco - anche la modifica dell'art.96 Tuir sugli interessi passivi. Sarebbe opportuno adottare una franchigia minima di deducibilità come avviene per esempio in Germania. Ecco perché - aggiunge Casasco - risulta fondamentale mettere in atto interventi tesi a creare le condizioni per un più agevole accesso al credito per le imprese di minori dimensioni e soprattutto per quelle che operano in aree del Paese meno sviluppate. Attraverso interventi mirati di breve periodo - conclude - si potrebbero rilanciare da subito le aree del Mezzogiorno e parallelamente configurare, con vere e proprie politiche mirate e coordinate, un piano industriale di crescita e sviluppo".

Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le preferenze dell'utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei Cookie.
Per saperne di più, o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di prendere visione della pagina Cookie Policy