Ansa

Debiti P.a.: Confapi, governo ascolti monito Ue su ritardi

(ANSA) - ROMA, 8 GIU - "Dalla Commissione europea è arrivato l'ennesimo monito all'Italia in merito ai ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con l'invito ad adeguarsi alla direttiva UE 2011/7. Confapi da tempo ha lanciato, inascoltata, questo allarme rilevando la sistematica disattesa della direttiva europea che regola i tempi di pagamento anche nelle transazioni tra privati e arrivando anche a presentare una proposta emendativa all'ultima Legge di Bilancio". Lo dichiara il presidente della Confederazione delle piccole e medie industrie private, Maurizio Casasco, commentando l'ultimo richiamo all'Italia da parte di Bruxelles. "Pagamenti a 180 giorni e più - ricorda Casasco - provocano un grave squilibrio finanziario e minano la competitività soprattutto delle Pmi, che spesso sono costrette a fungere da banche alla grande industria". Confapi lo scorso novembre in sede di approvazione della Legge di Bilancio, aveva sostenuto un emendamento che mirava essenzialmente all'adozione anche in Italia del sistema vigente in Francia fin dal 2009. La proposta includeva un sistema di sanzioni a chi non rispettasse i tempi previsti, con possibilità di alimentare un Fondo presso il Mise destinato allo sviluppo delle Pmi. "Mi auguro - conclude Casasco - che il nuovo Governo faccia qualcosa e subito per eliminare questo ulteriore handicap delle nostre industrie". (ANSA).


MF Dow Jones

Confapi: nuovo Governo ascolti monito Ue su ritardi pagamenti

MILANO (MF-DJ) -- "Dalla Commissione europea e' arrivato l'ennesimo monito all'Italia in merito ai ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con l'invito ad adeguarsi alla direttiva UE 2011/7. Confapi da tempo ha lanciato, inascoltata, questo allarme rilevando la sistematica disattesa della direttiva europea che regola i tempi di pagamento anche nelle transazioni tra privati e arrivando anche a presentare una proposta emendativa all'ultima Legge di Bilancio". Lo dichiara il presidente della Confederazione delle piccole e medie industrie private, Maurizio Casasco, commentando l'ultimo richiamo all'Italia da parte di Bruxelles. "Pagamenti a 180 giorni e piu' - ricorda Casasco - provocano un grave squilibrio finanziario e minano la competitivita' soprattutto delle Pmi, che spesso sono costrette a fungere da banche alla grande industria". Confapi lo scorso novembre in sede di approvazione della Legge di Bilancio, aveva sostenuto un emendamento che mirava essenzialmente all'adozione anche in Italia del sistema vigente in Francia fin dal 2009. La proposta includeva un sistema di sanzioni a chi non rispettasse i tempi previsti, con possibilita' di alimentare un Fondo presso il Mise destinato allo sviluppo delle Pmi. "Mi auguro - conclude Casasco - che il nuovo Governo faccia qualcosa e subito per eliminare questo ulteriore handicap delle nostre industrie". com/fus (fine) MF-DJ NEWS ))


Adnkronos

Ue: Confapi, governo ascolti monito su ritardi pagamenti

Roma, 8 giu. (Adnkronos/Labitalia) - "Dalla Commissione europea è arrivato l'ennesimo monito all'Italia in merito ai ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con l'invito ad adeguarsi alla direttiva Ue 2011/7. Confapi da tempo ha lanciato, inascoltata, questo allarme rilevando la sistematica disattesa della direttiva europea che regola i tempi di pagamento anche nelle transazioni tra privati e arrivando anche a presentare una proposta emendativa all'ultima legge di bilancio". Lo dichiara il presidente della Confederazione delle piccole e medie industrie private, Maurizio Casasco, commentando l'ultimo richiamo all'Italia da parte di Bruxelles. "Pagamenti a 180 giorni e più -ricorda Casasco- provocano un grave squilibrio finanziario e minano la competitività soprattutto delle pmi, che spesso sono costrette a fungere da banche alla grande industria". Confapi lo scorso novembre, in sede di approvazione della legge di bilancio, aveva sostenuto un emendamento che mirava essenzialmente all'adozione anche in Italia del sistema vigente in Francia fin dal 2009. La proposta includeva un sistema di sanzioni a chi non rispettasse i tempi previsti, con possibilità di alimentare un Fondo presso il Mise destinato allo sviluppo delle pmi. "Mi auguro -conclude Casasco- che il nuovo governo faccia qualcosa e subito per eliminare questo ulteriore handicap delle nostre industrie". (Pal/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 08-GIU-18 15:51 NNNN


Askanews

Ue, Confapi: nuovo governo ascolti monito su ritardi pagamenti

Roma, 8 giu. (askanews) - "Dalla Commissione europea è arrivato l'ennesimo monito all'Italia in merito ai ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con l'invito ad adeguarsi alla direttiva UE 2011/7. Confapi da tempo ha lanciato, inascoltata, questo allarme rilevando la sistematica disattesa della direttiva europea che regola i tempi di pagamento anche nelle transazioni tra privati e arrivando anche a presentare una proposta emendativa all'ultima Legge di Bilancio". Lo dichiara il presidente della Confederazione delle piccole e medie industrie private, Maurizio Casasco, commentando l'ultimo richiamo all'Italia da parte di Bruxelles. "Pagamenti a 180 giorni e più - ricorda Casasco - provocano un grave squilibrio finanziario e minano la competitività soprattutto delle Pmi, che spesso sono costrette a fungere da banche alla grande industria". Confapi ricorda di aver sostenuto lo scorso novembre, in sede di approvazione della Legge di Bilancio, un emendamento che mirava essenzialmente all'adozione anche in Italia del sistema vigente in Francia fin dal 2009. La proposta includeva un sistema di sanzioni a chi non rispettasse i tempi previsti, con possibilità di alimentare un Fondo presso il Mise destinato allo sviluppo delle Pmi. "Mi auguro - conclude Casasco - che il nuovo Governo faccia qualcosa e subito per eliminare questo ulteriore handicap delle nostre industrie". Fgl 20180608T145654Z


AGI

Ue: Confapi, nuovo governo ascolti monito su ritardi pagamenti

(AGI) - Roma, 8 giu. - Il nuovo governo ascolti il monito dell'Europa sui ritardi di pagamenti. E' quanto chiede il presidente di Confapi Maurizio Casasco. "Dalla Commissione europea - spiega in una nota - e' arrivato l'ennesimo monito all'Italia in merito ai ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con l'invito ad adeguarsi alla direttiva UE 2011/7. Confapi da tempo ha lanciato, inascoltata, questo allarme rilevando la sistematica disattesa della direttiva europea che regola i tempi di pagamento anche nelle transazioni tra privati e arrivando anche a presentare una proposta emendativa all'ultima Legge di Bilancio". "Pagamenti a 180 giorni e piu' - ricorda Casasco - provocano un grave squilibrio finanziario e minano la competitività soprattutto delle Pmi, che spesso sono costrette a fungere da banche alla grande industria". Confapi lo scorso novembre in sede di approvazione della legge di Bilancio, aveva sostenuto un emendamento che mirava essenzialmente all'adozione anche in Italia del sistema vigente in Francia fin dal 2009. La proposta includeva un sistema di sanzioni a chi non rispettasse i tempi previsti, con possibilita' di alimentare un Fondo presso il Mise destinato allo sviluppo delle Pmi. "Mi auguro - conclude Casasco - che il nuovo governo faccia qualcosa e subito per eliminare questo ulteriore handicap delle nostre industrie".(AGI) Ing 081516 GIU 18 NNNN


Italpress

Debiti p.a.: Confapi "governo ascolti monito Ue su ritardi pagamenti"

(ITALPRESS) - "Dalla Commissione europea e' arrivato l'ennesimo monito all'Italia in merito ai ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali con l'invito ad adeguarsi alla direttiva UE 2011/7. CONFAPI da tempo ha lanciato, inascoltata, questo allarme rilevando la sistematica disattesa della direttiva europea che regola i tempi di pagamento anche nelle transazioni tra privati e arrivando anche a presentare una proposta emendativa all'ultima Legge di Bilancio". Lo dichiara il presidente della Confederazione delle piccole e medie industrie private, Maurizio Casasco, commentando l'ultimo richiamo all'Italia da parte di Bruxelles. "Pagamenti a 180 giorni e più - ricorda Casasco - provocano un grave squilibrio finanziario e minano la competitivita' soprattutto delle Pmi, che spesso sono costrette a fungere da banche alla grande industria". CONFAPI lo scorso novembre in sede di approvazione della Legge di Bilancio, aveva sostenuto un emendamento che mirava essenzialmente all'adozione anche in Italia del sistema vigente in Francia fin dal 2009. La proposta includeva un sistema di sanzioni a chi non rispettasse i tempi previsti, con possibilità di alimentare un Fondo presso il Mise destinato allo sviluppo delle Pmi. "Mi auguro - conclude Casasco - che il nuovo Governo faccia qualcosa e subito per eliminare questo ulteriore handicap delle nostre industrie". (ITALPRESS). ads/com 08-Giu-18 14:54 NNNN

Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le preferenze dell'utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei Cookie.
Per saperne di più, o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di prendere visione della pagina Cookie Policy