UNIONTESSILE-CONFAPI: RINNOVATO CONTRATTO TESSILE-ABBIGLIAMENTO-MODA CON CGIL, CISL E UIL

Uniontessile-Confapi e i sindacati del settore Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil hanno siglato l’accordo di rinnovo contrattuale 2019-2023 dei settori tessile, abbigliamento, moda, calzature, pelli e cuoio, penne, spazzole e pennelli, occhiali, giocattoli. Il contratto è applicato 5mila piccole e medie industrie, che impiegano 60mila lavoratori.

L'ipotesi di accordo prevede un aumento medio sui minimi di 80 euro, che verrà distribuito in tre tranches: febbraio 2020, gennaio 2021 e febbraio 2022.

“Gli imprenditori chiedevano un contratto più snello, ma soprattutto meno oneroso, per conciliare la necessità delle imprese di non introdurre nuovi costi, con quella dei lavoratori di migliorare gli standard di welfare aziendale. Questo accordo ha certamente raggiunto il risultato sperato, che rappresenta un positivo punto di partenza per nuovi ed ulteriori sviluppi del settore”, ha commentato con soddisfazione Alberto Russo, Presidente di Uniontessile-Confapi.

Il nuovo Ccnl Uniontessile-Confapi avrà durata quadriennale con decorrenza dall’1 aprile 2019, al 31 marzo 2023. Contiene numerose novità importanti per il rilancio dell’intero comparto Come, ad esempio, l’introduzione nei contratti di commessa dell’impegno, per le imprese esecutrici, di applicare il contratto collettivo nazionale di lavoro di settore sottoscritto dalle organizzazioni sindacali nazionali di riferimento.

Sono state inoltre migliorate le previsioni in materia di flessibilità, permessi e malattia.

Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le preferenze dell'utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei Cookie.
Per saperne di più, o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di prendere visione della pagina Cookie Policy