Roma, 31 gennaio 2019 – “La notizia che l'economia italiana nel quarto trimestre 2018 ha registrato una contrazione dello 0,2%, confermando il trend negativo che aveva visto una frenata della crescita, non fa che aumentare la nostra preoccupazione. Ora non è tempo però di criticare, ma di costruire”. È quanto dichiara Maurizio Casasco, presidente di Confapi, associazione che raccoglie oltre 83 mila PMI private italiane.

“Dobbiamo invertire questa spirale al ribasso, investire in nuove infrastrutture e nella manutenzione di quelle già esistenti, creare sviluppo, crescita e posti di lavoro, soprattutto per i giovani. L’essere entrati in recessione tecnica necessita, infatti, azioni concrete per il lavoro che deve restare il vero denominatore comune e il motore dello sviluppo e della ripresa”.

“Va creato – conclude il presidente Confapi – un contesto dove il vero welfare sia la possibilità di lavorare e fare impresa, di produrre crescita. Non ci sono altri sistemi: bisogna ripartire dall’industria”

Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e offrire servizi in linea con le preferenze dell'utente. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei Cookie.
Per saperne di più, o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, si prega di prendere visione della pagina Cookie Policy