L’Ersamus per le PMI

Confapi partecipa con CEA-PME, la Confederazione europea della associazioni delle piccole e medie imprese, di cui Maurizio Casasco è Vicepresidente, al progetto europeo Mobilise SME che mira a realizzare uno scambio tra lavoratori delle PMI dei Paesi della UE.

Attraverso il progetto le imprese del Sistema Confapi potranno inviare presso aziende straniere propri dipendenti per un periodo di uno o due mesi o potranno ospitare presso la propria sede un lavoratore straniero. Lo scambio è volto non solo a migliorare le competenze del lavoratore, ma anche a intessere rapporti con un possibile partner straniero. L’iniziativa si rivolge anche ad imprese che hanno già rapporti con eventuali partner e intendono inviare in loco, per un periodo di tempo, un proprio dipendente. Le spese della mobilità (viaggio e permanenza all’estero) sono coperte dal progetto.
La Confapi, attraverso il partenariato promosso da CEA-PME, intende impegnarsi per favorire lo scambio di competenze tra le PMI europee attraverso la mobilità dei  lavoratori. Il progetto prevede l’implementazione di un programma pilota che potrà essere utile per la definizione di politiche europee volte a favorire la sostenibilità dell’occupazione e a ridurre la disoccupazione.
Il progetto si inserisce nell’ambito del programma di finanziamento dell’Unione EaSI (Programma europeo per l’occupazione e l’innovazione sociale ) e avrà una durata di 18 mesi.
Le imprese associate, interessate al programma sia in qualità di azienda ospitante che di impresa interessata alla mobilità dei propri dipendenti, possono contattare l’ufficio estero della Confapi a: estero@confapi.org

 

Progetto europeo sulla mobilità dei lavoratori: Focus Group in CONFAPI

Si è tenuto il 16 giugno 2016 presso la sede di Confapi, in occasione della Consulta dei Direttori, un Focus Group dedicato al progetto europeo Mobilise SME.
Il progetto, finanziato nell’ambito del programma europeo per l’occupazione e l’innovazione sociale, mira a favorire la mobilità transfrontaliera dei lavoratori delle piccole e medie imprese attraverso un periodo di soggiorno all’estero.
Più specificamente,  le imprese interessate alla sperimentazione del programma, potranno decidere di inviare un proprio dipendente all’estero per un periodo compreso da 1 a 2 mesi oppure potranno chiedere di accogliere all’interno della loro struttura un dipendente di un’impresa straniera.
Il Focus Group, realizzato in collaborazione con la società di consulenza europea Techonopolis, aveva come obiettivo quello di coinvolgere i partecipanti in un dibattito utile ad acquisire  maggiori informazioni sulla percezione delle imprese nei confronti di tale progetto anche al fine di poter elaborare proposte concrete da presentare alla Commissione Europea che intende avviare un programma volto a favorire la mobilità dei dipendenti delle PMI.
L’iniziativa, che Confapi sta portando avanti con un partnetariato di 12 associazioni di categoria europee guidate da CEA-PME, la confederazione europea delle PMI, sta per entrare nella fase cruciale, consistente nella realizzazione di una piattaforma informatica all’interno della quale saranno inserite le richieste delle aziende, sia intenzionate ad inviare un proprio dipendente all’estero che quelle intenzionate, invece, ad ospitarne uno straniero, così da effettuare il matching, volto poi all’effettiva implementazione della mobilità.

 

   Brochure Mobilise SME

   Video del progetto Mobilise SME

   Iscrizione alla piattaforma

   Informazioni sul progetto


Project “Mobilities for professionals and qualified employees of MSMEs” MobiliseSME, co-financed by the EaSI Programme (PROGRESS) of the European Union, 2016-2017.
The content of this flyer reflects only the authors' views, i.e. that of the partners of the project <MobiliseSME>. The European Commission is not responsible for any use that may be made of the information it contains."